News

Arriva da Honk Kong il pianista vincitore del "Casagrande"

La 31^ edizione del prestigioso concorso internazionale di Terni ha incoronato il 23enne Aristo Sham. Secondo posto per il bulgaro Emanuil Ivanov, 20 anni, che ha conquistato anche il Premio del pubblico; terzo per il milanese Federico Gad Crema, 20 anni, premiato anche come finalista più giovane.


Premio “Adriana, Franco e Marina Casagrande” al trevigiano Elia Cecino, 17 anni, Premio “Dario De Rosa” a Matteo Cardelli, 26 anni di Ferrara.


Il verdetto ieri, 25 maggio 2019 al Teatro Secci, dopo l’elettrizzante esibizione dei tre finalisti con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Marco Moresco.


Ha 23 anni e viene da Hong Kong il vincitore della 31^ edizione del Concorso pianistico internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni. Si chiama Aristo Sham e ieri sera (25 maggio 2019) al Teatro Secci, dopo una scintillante interpretazione del Concerto n. 4 op. 58 di Beethoven, è salito sul gradino più alto del podio della storica competizione. Secondo posto per il bulgaro Emanuil Ivanov, 20 anni, che ha stregato la platea con il Concerto n. 2 op. 22 di Saint-Saëns, conquistando anche il Premio del pubblico. Terzo posto per il milanese Federico Gad Crema, che ha dato vita a un’elettrizzante interpretazione del Concerto op. 54 di Schumann ed è stato premiato anche come finalista più giovane. I tre artisti si sono esibiti su un grancoda Fazioli, accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta dal M° Marco Moresco.


«È innegabile che tutti e tre questi finalisti sono pianisti eccezionalmente dotati», ha commentato il presidente della giuria, il pianista statunitense Julian Martin, professore della Juilliard School di New York. «E negli ultimi sei giorni abbiamo ascoltato molte splendide interpretazioni di molti giovani artisti di talento. Con molto duro lavoro, e un po’ di fortuna, sono sulla buona strada verso carriere importanti e visibili. Vorrei ringraziare gli abitanti di Terni per la loro accoglienza e per il loro supporto. Questa città può essere orgogliosa di aver contribuito ad aiutare e lanciare questi talenti al centro dell’attenzione per gli anni a venire». In giuria anche i Maestri Christian Debrus, Eteri Andjaparidze, Alexey Lebedev, Andrea Lucchesini, Graham Scott e Carlo Guaitoli, direttore artistico del concorso


I Premi. Sham vince un premio di 20mila euro (offerto da Fondazione Casagrande e Fondazione Carit) e un tour di concerti con ingaggi presso prestigiose istituzioni, tra le quali sono già confermate: Società dei Concerti di Milano, IUC-Istituzione Universitaria Concerti di Roma, Fazioli Concert Hall di Sacile, Gioventù Musicale d’Italia, Istituzione Sinfonica Abruzzese a L’Aquila, Associazione Filarmonica Umbra di Terni, Amici della Musica di Foligno, Lingotto Musica di Torino, Teatro Comunale di Carpi, Associazione Musicale “Anna Jervolino” di Caserta e Festival di Vigan in Francia.
A Ivanov e Gad Crema vanno rispettivamente 7 e 4mila euro per il secondo e il terzo posto (Fondazione Carit), a cui si aggiungono altri 1500 euro per il Premio del pubblico (Rotary Club di Terni) e per il Premio Gianni Scarficcia al più giovane finalista (Famiglia Scarficcia).
Due importanti premi speciali sono stati assegnati a pianisti italiani. Elia Cecino, 17 anni di Casale sul Sile (TV) ha vinto il Premio “Adriana, Franco e Marina Casagrande” per la migliore interpretazione di un brano di Alessandro Casagrande (1500 euro, Elena e Michele Benucci), mentre il ferrarese Matteo Cardelli, 26 anni, ha vinto il Premio Dario De Rosa per la migliore esecuzione della Sonata di Beethoven (1500 euro, Lions Club di Terni).


Al momento dell’assegnazione dei premi Elena Benucci, Presidente della Fondazione Casagrande che organizza il Concorso, ha ringraziato la città per l’entusiastica risposta e si è detta fiduciosa di una prossima edizione, sempre a Terni. Il pianista Carlo Guaitoli, direttore artistico, ha ringraziato la Fondazione, tutti i partner e le autorità, i colleghi della giuria, Fazioli Pianoforti e lo staff del Concorso per aver reso possibile l’ottima riuscita di questa edizione.


Parterre de rois al Teatro Secci. C’erano Michele Benucci, Vice Presidente della Fondazione Casagrande, e le autorità: il Sindaco di Terni Leonardo Latini, il Vice Sindaco e Assessore alla cultura Andrea Giuli, il prof. Gian Luca Petrucci in rappresentanza della fondazione Carit. Presente anche una rappresentanza della Camera di Commercio di Terni, Luca Cipiccia del Rotary Club di Terni e Maria Rita Chiassai del Lyons Club di Terni.


In platea anche alcuni protagonisti della scena musicale internazionale, fra i quali Gustav Alink, direttore della Gustav Alink Argerich Foundation di cui il Concorso Casagrande è membro, e il pianista Angelo Pepicelli che insieme a Mariangela Vacatello e a Guaitoli, lo scorso novembre ha svolto le preselezioni, tramite video, dei ben 117 candidati provenienti da tutto il mondo.

 

Annunciati i tre finalisti del Concorso “Casagrande”

I pianisti ancora in gara sono l’italiano Federico Gad Crema, 20 anni, il bulgaro Emanuil Ivanov, 20 anni, e Aristo Sham, 23 anni di Hong Kong. La finale sabato 25 maggio 2019 alle h. 18 al Teatro Secci di Terni, con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Marco Moresco.

 

Sono stati annunciati questa sera, giovedì 23 maggio 2019 i nomi dei tre pianisti finalisti della 31^ edizione del Concorso pianistico internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni. Sono: l’italiano Federico Gad Crema, 20 anni di Milano; il bulgaro Emanuil Ivanov, 20 anni, e Aristo Sham, 23 anni di Hong Kong.

 

La prova finale si svolgerà sabato 25 maggio 2019 alle ore 18 al Teatro Secci di Terni. I tre finalisti suoneranno un pianoforte grancoda Fazioli, per la prima volta partner della competizione, e saranno accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta dal M° Marco Moresco. Federico Gad Crema eseguirà il Concerto in la minore op. 54 di Schumann, Emanuil Ivanov il Concerto in sol minore n. 2 op. 22 di Saint-Saëns, Aristo Sham il Concerto in sol maggiore n. 4 op. 58 di Beethoven.

 

Al termine delle tre esecuzioni la prestigiosa giuria internazionale – presieduta dal pianista statunitense Julian Martin, e composta dai colleghi Christian Debrus, Eteri Andjaparidze, Alexey Lebedev, Andrea Lucchesini, Graham Scott e da Carlo Guaitoli, direttore artistico del concorso – decreterà il vincitore. Al primo classificato andranno 20mila euro, al secondo 7mila, al terzo 4mila, a cui si aggiungeranno diversi Premi speciali. La competizione offre inoltre al vincitore un tour di concerti con ingaggi presso prestigiose istituzioni, tra le quali sono già confermate: Società dei Concerti di Milano, IUC-Istituzione Universitaria Concerti di Roma, Fazioli Concert Hall di Sacile, Gioventù Musicale d’Italia, Istituzione Sinfonica Abruzzese a L’Aquila, Associazione Filarmonica Umbra di Terni, Amici della Musica di Foligno, Lingotto Musica di Torino, Teatro Comunale di Carpi, Associazione Musicale “Anna Jervolino” di Caserta e Festival di Vigan in Francia.

 

Il Concorso “Alessandro Casagrande” è organizzato dalla Fondazione Casagrande, con Elena Benucci Presidente e Michele Benucci Vice Presidente. Fa parte del circuito internazionale della Alink-Argerich Foundation. I soci fondatori sono Comune di Terni e Famiglia Casagrande. I soci partecipanti istituzionali sono Fondazione Carit e Camera di Commercio di Terni.

La giuria ha annunciato i nomi dei tre finalisti. Eccoli nella foto, sono: Federico Gad Crema (20 anni, Italia), Emanuil Ivanov (20 anni, Bulgaria) e Aristo Sham (23 anni, Hong Kong). La finale sarà questo sabato 25 maggio ore 18 al Teatro Secci di Terni, con - rispettivamente - i Concerti op. 54 di Schumann, n. 2 op. 22 di Saint-Saëns e n. 4 op. 58 di Beethoven. I tre pianisti saranno accompagnati dall'Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Marco Moresco. Sarà una sfida avvincente e una serata di musica favolosa!

 

Sempre più arduo il lavoro della giuria, visto il livello stellare dei pianisti ascoltati in questi giorni, ma ecco i semifinalisti e gli orari per domani:

 

Ecco i candidati che hanno superato la prima prova e il calendario per domani e mercoledì. Complimenti a tutti per l'altissimo livello espresso in queste prime due giornate!

A Palazzo Spada la cerimonia di apertura della 31^ Edizione del Concorso Pianistico Internazionale “Alessandro Casagrande”

L’altra sera, sabato 18 maggio 2019, nella sala consiliare di Palazzo Spada, a Terni, l’inaugurazione dei lavori, con i rappresentanti della Fondazione Casagrande, la giuria, i concorrenti e le autorità. Aperte al pubblico, le prove al Teatro Secci sono iniziate questa mattina e si concluderanno sabato 25 maggio con la proclamazione del vincitore.

 

L’altra sera, sabato 18 maggio 2019, a Terni, nella sala consiliare di Palazzo Spada si è svolta la cerimonia di apertura della 31^ edizione del Concorso pianistico internazionale “Alessandro Casagrande”, che ha preso il via ieri e si concluderà sabato 25 maggio con la proclamazione del vincitore.

«Siamo particolarmente contenti della risposta della cittadinanza ternana a questa edizione: c’è un entusiasmo che ci riporta agli inizi del concorso» ha commentato Elena Benucci, Presidente della Fondazione Casagrande. «Io e mio fratello Michele (Vice Presidente della Fondazione ndr) siamo fieri di portare avanti la costruzione di un edificio culturale che poggia su solide fondamenta e siamo felici che questo abbia ricadute positive anche in termini sociali ed economici per la nostra città».

 

C’era anche il Sindaco di Terni Leonardo Latini: «Il Comune – ha detto – è sempre stato a fianco del Concorso, cogliendone da subito la valenza artistica e culturale e l’enorme potenziale per la città, con uno spirito di grande unità e di stima per gli organizzatori». Andrea Giuli, Vicesindaco e Assessore alla cultura ha aggiunto: «Il “Casagrande” è un fiore all’occhiello per la città. È un onore essere parte di questa storia, nel nome della bellezza e dell’emozione, dell’identità cittadina che si proietta nel mondo».

Luigi Carlini, Presidente della Fondazione Carit ha commentato: «Siamo felici di dare il nostro contributo a rilanciare questa iniziativa di grande pregio e importanza». È intervenuto poi Italo Federici, in rappresentanza della Camera di Commercio di Terni: «La città ha bisogno di iniziative culturali come questa per crescere».

Per l’occasione è arrivato a Terni l’ingegner Paolo Fazioli, fondatore e Presidente della Fazioli Pianoforti di Sacile (PN), per la prima volta da quest’anno partner del “Casagrande”: «Portare i nostri grancoda qui è un onore e anche una responsabilità: questo è uno dei pochi concorsi al mondo in grado di costruire carriere, come dimostra il suo prestigioso albo d’oro dei vincitori».

 

Il pianista Carlo Guaitoli, Direttore artistico e membro della giuria ha ringraziato la Fondazione Casagrande per l’impegno profuso anche in anni non facili. La platea ha tributo un caloroso applauso spontaneo quando il maestro ha ricordato commosso la collega Paola Bruni, vincitrice del “Casagrande” nel 1986, prematuramente scomparsa pochi giorni fa. Infine il Presidente della giuria, il pianista statunitense Julian Martin, ha rivolto un saluto a tutti i concorrenti: «Il risultato della gara è fondamentale, ma non è tutto. Questa è un’importante esperienza formativa e vi auguro di viverla pienamente. Godetevi queste giornate a Terni: non vediamo l’ora di ascoltarvi!»

Terni capitale del pianoforte: al via il Concorso “Casagrande”

Da domani, 19 maggio 2019, nella città umbra alcuni tra i più brillanti giovani pianisti del mondo – selezionati tramite video – si sfideranno dal vivo davanti a una giuria internazionale per conquistare la vittoria allo storico concorso, che in passato ha laureato virtuosi oggi ai vertici del concertismo.

 

Le prove al Teatro Secci saranno aperte al pubblico. Sabato 25 maggio alle ore 18 i tre finalisti si esibiranno accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Abruzzese e verrà decretato il vincitore.

 

Terni capitale del pianoforte. Nella città umbra sono in arrivo alcuni tra i più brillanti giovani pianisti del mondo. Sono i concorrenti della 31^ edizione del Concorso pianistico internazionale “Alessandro Casagrande”. Selezionati tra oltre cento candidati tramite video, dal 19 al 25 maggio 2019 si sfideranno dal vivo davanti a una giuria internazionale per conquistare la vittoria allo storico concorso che in passato ha laureato virtuosi oggi ai vertici del concertismo, tra i quali Ivo Pogorelich, Alexander Lonquich e Boris Petrushansky. Le prove inizieranno domenica mattina al Teatro Secci e saranno aperte al pubblico. Sabato 25 maggio alle ore 18 i tre finalisti si esibiranno accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Abruzzese, diretta da Marco Moresco, e verrà decretato il vincitore.

 

Dei concorrenti presenti a Terni 7 sono italiani: Stefano Andreatta, Michelle Candotti, Matteo Cardelli, Elia Cecino, Manuel Cini, Federico Gad Crema e Federico Nicoletta; 4 giapponesi: Asaka Miyoshi, Kazuja Saito, Ryutaro Suzuki e Yuna Tamogami; 3 russi: Igor Andreev, Alexander Panfilov e Samson Tsoy; la canadese Alice Burla, il bulgaro Emanuil Ivanov, il croato Peter Klasan, il coreano Hoyel Lee, lo statunitense Alan Woo e Aristo Sham di Hong Kong.

 

Presieduta dall'americano Julian Martin, professore alla Juilliard School di New York, la giuria internazionale sarà composta da sette autorevoli concertisti e didatti: il francese Christian Debrus, la georgiana Eteri Andjaparidze, il russo Alexey Lebedev, l'inglese Graham Scott, gli italiani Andrea Lucchesini e Carlo Guaitoli (direttore artistico del concorso).

 

Il montepremi è di 35mila euro. Al primo classificato andranno 20mila euro, al secondo 7mila, al terzo 4mila, a cui si aggiungono diversi Premi speciali. La competizione offre inoltre al vincitore un tour di concerti con ingaggi presso prestigiose istituzioni, tra le quali sono già confermate: Società dei Concerti di Milano, IUC-Istituzione Universitaria Concerti di Roma, Fazioli Concert Hall di Sacile, Gioventù Musicale d’Italia (tournée), Istituzione Sinfonica Abruzzese a L’Aquila, Associazione Filarmonica Umbra di Terni, Amici della Musica di Foligno, Lingotto Musica di Torino, Teatro Comunale di Carpi, Associazione Musicale “Anna Jervolino” di Caserta e Festival di Vigan in Francia.

 

Organizzato dall’omonima Fondazione – con Elena Benucci Presidente e Michele Benucci Vice Presidente – il Concorso è intitolato al pianista e compositore ternano Alessandro Casagrande, nato nel 1922 e prematuramente scomparso a soli 42 anni. Fa parte di circuiti internazionali di assoluto prestigio quali la Alink-Argerich Foundation e avrà per la prima volta come partner Fazioli Pianoforti.

31^ Edizione del Concorso Pianistico Internazionale “Alessandro Casagrande” Terni, Teatro Secci, 19-25 maggio 2019


Informazioni per il pubblico

PRIMA PROVA
Domenica 19 maggio: 10.00 – 13.00 e 16.00 – 18.15
Lunedì 20 maggio: 10.00 – 13.00 e 16.00 – 18.45
A seguire, votazioni e risultati
INGRESSO LIBERO

SECONDA PROVA
Martedì 21 maggio: 10.00 – 13.00 e 16.00 – 18.30
Mercoledì 22 maggio: 10.00 – 13.00 e 16.00 – 18.30
A seguire, votazioni e risultati
INGRESSO LIBERO

TERZA PROVA
Giovedì 23 maggio: 10.00 – 13.15 e 16.00 – 19.15
A seguire, votazioni e risultati
INGRESSO LIBERO

PROVA FINALE
Con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta dal M° Marco Moresco
Sabato 25 maggio h 18.00
La cerimonia di premiazione si terrà la sera stessa dopo le votazioni
BIGLIETTI: INTERO: 12 €; RIDOTTO 8 € (UNDER 26, OVER 65, SOCI DELLA FONDAZIONE ALESSANDRO CASAGRANDE E DELLE ASSOCIAZIONI FILARMONICA UMBRA, VISIONINMUSICA E ARABA FENICE)

Prevendita: Botteghino Centrale CAOS - Terni  (Museo Archeologico) nei seguenti orari 10.00/13.00 e 17.00/20.00 -  (Tel. 340 4188488)
La prevendita è aperta dal 21 maggio 2019; solo nella giornata del 25 maggio la vendita biglietti sarà dalle h.17.00 presso il Botteghino del Teatro Secci.

EVENTUALI MODIFICHE AGLI ORARI VERRANNO IMMEDIATAMENTE COMUNICATE TRAMITE IL SITO WEB E FACEBOOK.

La giuria
Julian Martin (presidente)                USA
Christian Debrus                             FRANCE
Eteri Andjaparidze                          GEORGIA
Carlo Guaitoli                                  ITALY
Alexey Lebedev                               RUSSIA
Andrea Lucchesini                            ITALY
Graham Scott                                  UK

I CONCORRENTI
Stefano Andreatta                             ITALY
Igor Andreev                                    RUSSIA
Alice Burla                                        CANADA
Michelle Candotti                               ITALY
Matteo Cardelli                                  ITALY
Elia Cecino                                        ITALY
Manuel Cini                                       ITALY
Federico Gad Crema                           ITALY
Emanuil Ivanov                                  BULGARIA
Petar Klasan                                      CROATIA
Hoyel Lee                                          KOREA
Asaka Miyoshi                                    JAPAN
Federico Nicoletta                               ITALY
Alexander Panfilov                              RUSSIA
Kazuya Saito                                       JAPAN
Aristo Sham                                        HONG KONG
Ryutaro Suzuki                                    JAPAN
Yuna Tamogami                                   JAPAN
Samson Tsoy                                       RUSSIA
Alan Woo                                             USA

Sfida tra pianisti: a maggio le finali del Concorso “Casagrande”

Dal 19 al 25 maggio 2019 a Terni, in Umbria, si svolgeranno le fasi conclusive dello storico premio internazionale che nelle passate edizioni ha laureato giovanissimi virtuosi oggi ai vertici del concertismo. Le quattro prove al Teatro Secci saranno aperte al pubblico e giudicate da una prestigiosa commissione. I tre finalisti suoneranno accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Abruzzese.

Conto alla rovescia per le fasi finali della 31^ edizione del Concorso pianistico internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni. Erano oltre un centinaio, provenienti da tutto il mondo, gli aspiranti al titolo che in passato ha laureato giovanissimi virtuosi oggi a vertici del concertismo, come Ivo Pogorolich o Alexander Lonquich. Soltanto i 28 che hanno superato le preselezioni si sfideranno dal 19 al 25 maggio 2019 al Teatro Secci di Terni, in Umbria. Le prove saranno aperte al pubblico e verranno giudicate da una prestigiosa commissione internazionale. Grande attesa in particolare per la serata conclusiva, quando gli ultimi tre pianisti rimasti in gara suoneranno accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Abruzzese.

«Grazie al “Casagrande” a maggio Terni si trasformerà per una settimana in una vera e propria capitale della musica», dice Elena Benucci presidente dell’omonima Fondazione che organizza il premio, «l’impegno organizzativo ed economico è notevole, ma lo è anche la soddisfazione di realizzare un progetto culturale di qualità, che offre un’opportunità concreta ai giovani di talento».

Il pianista Carlo Guaitoli, direttore artistico del Concorso, commenta: «Sono onorato di guidare un concorso che ha la storia e il prestigio del “Casagrande”, al quale sono affettivamente legato da tanti anni. È stato svolto un grande lavoro fin qui e sono certo che sarà un’edizione entusiasmante: il livello dei pianisti in gara è altissimo».

Per i vincitori: un montepremi di 35mila euro, un tour di concerti e soprattutto l’ingresso in una esclusiva “hall of fame”, che in oltre mezzo secolo di storia – la prima edizione risale al 1966 – ha dato il La a molte gloriose carriere musicali.  

 

Premi per scaricare il comunicato

Oltre cento candidati al 31° Concorso pianistico internazionale "Alessandro Casagrande"

Boom di iscrizioni al prestigioso premio pianistico internazionale: 117 giovani promesse, provenienti da 20 Paesi, aspirano al titolo che in passato è stato assegnato a virtuosi oggi ai vertici del concertismo. Al massimo 28 di loro saranno ammessi alle prove finali, in programma il prossimo maggio a Terni.

Sono ben 117, oltre ogni aspettativa, le candidature inviate per partecipare alla 31^ edizione del Concorso pianistico internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni. Gli aspiranti al prestigioso titolo, che in passato è stato assegnato a pianisti come Ivo Pogorolich o Alexander Lonquich, provengono da venti Paesi diversi: Albania, Armenia, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Corea, Croazia, Francia, Georgia, Giappone, Hong Kong, Israele, Italia, Polonia, Russia, Taiwan, Ucraina, Ungheria, Usa.

Il nuovo format prevedeva la registrazione online con l’invio da parte dei candidati di un loro video di esecuzioni musicali, che ora saranno vagliate da una prima giuria, composta da tre autorevoli pianisti, docenti all’Istituto Musicale “Briccialdi” di Terni: Carlo Guaitoli (direttore artistico del concorso), Angelo Pepicelli e Mariangela Vacatello.

Saranno al massimo 28 i pianisti selezionati e ammessi alle fasi finali, che si svolgeranno dal 19 al 25 maggio 2019 a Terni e vedranno impegnata la giuria internazionale formata, oltre che dallo stesso Guaitoli, da Julian Martin (presidente), Christian Debrus, Manana Doijashvili, Alexey Lebedev, Andrea Lucchesini e Graham Scott.

Per i vincitori: un montepremi di 35mila euro, un tour di concerti e soprattutto un riconoscimento che nella sua gloriosa storia ha dimostrato di saper lanciare le migliori giovani promesse nell’olimpo del concertismo.

Ancora pochi giorni, fino al 31 ottobre 2018, per iscriversi al Concorso Casagrande 2019

Ancora pochi giorni, fino al 31 ottobre 2018, per iscriversi al Concorso Pianistico Internazionale "Alessandro Casagrande" 2019. La grande sfida musicale sta per cominciare!

Registrazione online: https://www.concorsocasagrande.org/it/concorso/iscrizione.php

Una prestigiosa giuria internazionale selezionerà e incoronerà i nuovi talenti del pianoforte: per loro un montepremi di 35mila euro e un tour di concerti.   

#countdown #registration #Casagrande2019 #piano #competition

Pianisti nell’arena: al via il Concorso “Casagrande” 2019

Entra nel vivo la 31^ edizione dello storico premio internazionale, che nel suo albo d’oro annovera vere e proprie icone della musica.

Sono in corso le registrazioni online (scadenza 31 ottobre 2018), le preselezioni saranno a novembre, le prove finali a Terni dal 19 al 25 maggio 2019.

Una prestigiosa giuria internazionale selezionerà e incoronerà i nuovi talenti del pianoforte: per loro un montepremi di 35mila euro e un tour di concerti.  

 

Entra nel vivo la 31^ edizione del Concorso pianistico internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni. Intitolata al pianista e compositore ternano, nato nel 1922 e prematuramente scomparso a soli 42 anni, la storica competizione in passato ha laureato giovanissimi talenti oggi ai vertici del concertismo come Ivo Pogorelich, Alexander Lonquich, Boris Petrushansky, Roberto Prosseda, Giuseppe Andaloro, Herbert Schuch, e molte altre icone internazionali della musica.

Premi per scaricare il comunicato

 

Read

Presentazione la nuova edizione dello storico premio internazionale

Giovedì 4 ottobre 2018 –  ore 18.00 – via Conservatorio 17, Milano

Spazio FAZIOLI

presentazione 31° Concorso Pianistico Internazionale “Alessandro Casagrande”

Elena Benucci, Presidente della Fondazione Casagrande, e il pianista Carlo Guaitoli, Direttore artistico, presentano la nuova edizione dello storico premio internazionale che in passato ha laureato giovanissimi talenti oggi ai vertici del concertismo.
Le iscrizioni sono aperte fino al 31 ottobre 2018, le prove finali con l’orchestra si svolgeranno dal 19 al 25 maggio 2019 a Terni.

Seguirà brindisi.  

I posti disponibili sono limitati. Per confermare la presenza: fondazionecasagrande@gmail.com

Comunicato generale

Al via la 31^ edizione dello storico premio internazionale che in passato ha laureato giovanissimi talenti oggi ai vertici del concertismo, come Ivo Pogorelich, Alexander Lonquich e Boris Petrushansky.
Il direttore artistico Carlo Guaitoli annuncia un nuovo format per le selezioni, un montepremi di 35mila euro e un tour di concerti per i vincitori.
Elena e Michele Benucci, alla guida della Fondazione, sottolineano la volontà di tenere vivi la memoria e l’impegno di Adriana Morelli Casagrande e Maria Tedesco Casagrande.
Le preselezioni a novembre 2018, le prove finali dal 19 al 25 maggio 2019.
Premi qui per scaricare il comunicato